Notizia

L’Italia riapre tra speranze di vero rilancio economico

In un lunedì ventoso e piovoso, la storica Piazza Duomo di Milano era piena di commensali all’ora di pranzo, mentre la gente cominciava a recuperare il bisogno represso di cenare fuori.

Ristoranti, bar, musei e cinema del paese sono stati gradualmente riaperti al pubblico secondo una strategia che per alcuni è vista come troppo cauta, mentre altri credono che sia troppo veloce.

cosi sono i teatri zeppi

I principali funzionari medici si preoccupano che gli stanchi virologi e operatori sanitari della nazione sperimentino un’altra libera uscita, come quella vista nel fine settimana in città da Roma a Napoli, da Milano a Torino, e da Torino a Napoli, in cui i luoghi si sono riempiti di piazze e parchi mentre la gente accoglieva il ritorno delle banche nazionali negli spazi pubblici.

I proprietari di ristoranti che hanno lottato per tenere aperte le loro attività quest’anno possono ora festeggiare il ritorno della ristorazione all’aperto perché arriva troppo tardi e la seconda pandemia è già in corso. Ha anche un cattivo messaggio di pubbliche relazioni per coloro che intendono andare in vacanza nella seconda estate pandemica.

L’obiettivo del governo è che la riapertura delle numerose piscine all’aperto, delle palestre e di altri tipi di attività in Europa vada di pari passo con lo sblocco dei fondi di recupero italiani, di cui si è parlato lunedì in Parlamento.

L’amministrazione ha ceduto alle pressioni dei partiti di destra e ha spinto l’apertura delle 15 aree e province sotto le più basse restrizioni per il coronavirus una settimana prima di quanto originariamente previsto, consentendo per la prima volta da mesi la libera circolazione tra le 21 regioni e province del paese. Quattro volte più persone possono visitare amici e parenti di quanto fosse possibile in precedenza. Le persone possono cenare al fresco o all’aperto quando cenano in ristoranti e bar. Gli sport di contatto all’aperto sono ripresi.

La riapertura delle unità di terapia intensiva in Italia arriva anche se i reparti di terapia intensiva del paese rimangono oltre il livello di allerta del 30%. Inoltre, il programma di vaccinazione dell’Italia, che doveva vaccinare 500.000 persone al giorno, è ancora indietro rispetto al suo obiettivo. Solo 70.000 persone sono state vaccinate finora nella fascia di età 70-79 anni. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, le persone oltre i 65 anni hanno guidato la maggior parte delle morti causate dal COVID-19 in Europa.

I ricercatori hanno espresso preoccupazione perché temono che il virus si sia modificato con successo e che in Italia la curva sia stata messa sotto controllo solo di recente e possa potenzialmente risalire.

La Sardegna è stata l’unico posto completamente privo di limitazioni quest’inverno, ed è diventata una storia ammonitrice per altre regioni. È stata segnata in rosso dal segnale di “tutto libero” a metà aprile, quando c’è stata una nuova ondata di malattie.

“C’era tempo per attivare il sistema di monitoraggio nazionale nel caso in cui il virus avesse dato un altro colpo”, ha detto il dottor Massimo Puoti, responsabile delle malattie infettive agli ospedali Niguarda di Milano. L’attuale enfasi dovrebbe essere sui vaccini, piuttosto che contenere i contagi, in modo che la pressione possa essere alleggerita dagli ospedali.

Una sala cinematografica di Milano, il Cinema Beltrade, ha tenuto una maratona di film per tutto il giorno, cominciando alle 6 del mattino e finendo alle 21:30, per festeggiare, secondo il proprietario, che ha voluto includere “un po’ di follia” nell’evento.

Un pubblico di 82 persone si è seduto al completo per la proiezione all’alba del film di Nanni Moretti del 1993 “Caro Diario”, che è stata solo la quarta proiezione tenuta dalla chiusura dell’industria cinematografica lo scorso novembre.

Nonostante la presenza di 500 teatri di spettacolo dal vivo in Lombardia, i fatti non sono così semplici come sembrano. Alla Scala, dove le poltrone ospitano quasi 2.000 persone, il numero massimo di spettatori è 500.

Il teatro lirico italiano La Scala ha in programma un evento simbolico di riapertura, che sarà guidato da Riccardo Muti, nel mese di giugno. La direzione si aspetta che l’orchestra e il coro siano completamente vaccinati entro settembre, momento in cui crede di poter allentare i limiti di distanza e riprendere la stagione. Nei mesi successivi si terranno concerti all’aperto in diversi luoghi della città.

Il direttore generale Dominique Meyer la mette così: “È più essenziale che ci siano opportunità per il pubblico di tornare e sperimentare le sensazioni distinte degli spettacoli, che non che debbano farlo”.

Los 5 teatros de ópera más bonitos del mundo

Los teatros de la ópera son templos del arte de Mozart, Verdi, Tchaikovsky, y al mismo tiempo la creación de arquitectos y diseñadores de talento de su generación. Hay muchos teatros de gran belleza en todo el mundo, con salas elegantes, decoraciones inconcebibles y exteriores realmente impresionantes.

La Scala

La Scala es uno de los teatri più belli del mondo. Se encuentra en Milán, Italia. El nombre “La Scala” proviene del nombre de la iglesia local de Santa María dela Scala, donde el arquitecto italiano Giuseppe Piermarini comenzó a levantar el edificio del teatro en 1776. La primera representación de La confesión de Europa de Antonio Salieri en la Ópera de la Scala tuvo lugar en 1778. Durante la Segunda Guerra Mundial, el edificio de la Scala quedó completamente destruido. Pero gracias a los esfuerzos de los ingenieros bajo la dirección de L. Secchi, en 1946 el teatro volvió a funcionar, en su forma original.

Las rejas del escenario tienen 30 metros de altura y una profundidad similar. Casi todos los mecanismos de este teatro, excepto las luces, son manuales, y el cambio de escenario se realiza mediante un complejo sistema de contrapesos y cuerdas. El Teatro Rojo-Oro es conocido por su magnífica acústica, que revela las verdaderas habilidades del cantante con tanta precisión que trabajar en el escenario se considera una prueba de fuego. 

La Gran Ópera de París

Diseñado por el arquitecto Charles Garnier y terminado en 1875, este teatro de la ópera de estilo Beaux-Arts está considerado como uno de los ejemplos más llamativos de la arquitectura elegíaca. Cuenta con una gran araña de cristal de siete toneladas en el centro del vestíbulo, numerosas cenefas de mármol decorativas y estatuas que representan figuras de la mitología griega. En 1962, Marc Chagall añadió frescos al techo de la Ópera Garnier.

La Gran Ópera debe su aspecto al emperador Napoleón III de Francia, que tras un intento de asesinato en 1858 se negó a visitar el antiguo edificio y exigió al barón Georges-Eugène Haussmann, prefecto de París, que construyera un edificio digno de la capital del Imperio. El concurso para construir la Gran Ópera lo ganó el desconocido arquitecto Charles Granier. Nadie hubiera imaginado entonces que la construcción comenzaría en el Imperio y terminaría 15 años después, tras la revolución y la guerra, en la República. El lugar para la construcción de la Gran Ópera se eligió muy húmedo, debido a los numerosos arroyos subterráneos que alimentan el Sena. 

Ópera Estatal de Viena

El mayor teatro de ópera de Austria y el centro de la cultura musical del país. El edificio que ahora alberga la Ópera Estatal de Viena fue construido en 1869 por el arquitecto August Siekard von Siekardsburg y su interior fue diseñado por Eduard van der Nulle. El teatro se inauguró con una producción de Don Giovanni de Mozart. Durante mucho tiempo se consideró que este edificio era uno de los mejores edificios teatrales del mundo.

En 1945 el teatro fue destruido durante el bombardeo de Viena. Durante diez años el teatro ofreció representaciones en otros escenarios. Sólo la nueva temporada de 1955/56 comenzó en el edificio restaurado. 

El teatro también es conocido por sus numerosas producciones infantiles. También hay localidades de pie, que son mucho más baratas y se agotan en los minutos previos al comienzo de la ópera.

La Ópera de Sídney 

Es difícil imaginar Sídney sin la Ópera, pero hasta 1958 en su lugar había un fuerte, y luego – el habitual depósito de tranvías. El arquitecto de la Ópera de Sídney es el danés Jorn Utzon y estaba previsto que la construcción durara 4 años y costara 7 millones de dólares australianos. Sin embargo, la construcción era demasiado complicada para los constructores de la época y, como resultado, la ópera se construyó en 14 años con un coste de 102 millones de dólares.

La Ópera de Sydney fue inaugurada el 20 de octubre de 1973 por la Reina Isabel II de Inglaterra. Las nubes ondulantes que forman el tejado hacen que este edificio no se parezca a ningún otro del mundo.

Teatro Académico Nacional de Ópera y Ballet de Odesa

El edificio del Teatro Musical de Odesa es una verdadera joya de la arquitectura europea del siglo XIX. Fue construido según el proyecto de los talentosos arquitectos austriacos, bajo cuya dirección se construyeron muchos magníficos teatros del Viejo Mundo, y su estructura y formas arquitectónicas se asemejan a la famosa Ópera de Dresde.

El encanto de la Ópera de Odesa reside en su diseño, que combina armoniosamente elementos de diferentes estilos: Renacimiento italiano, barroco vienés y rococó clásico. Un grupo escultórico que representa a la patrona del arte teatral -la musa Melpómene en un carro tirado por cuatro panteras- se alza sobre la fachada del edificio.

Scuole di recitazione in Italia

Scegliere una buona scuola di teatro torino è la cosa più importante che puoi fare per la tua carriera di attore. Non importa quello che la gente ti dice, i direttori del casting e gli agenti guardano la tua educazione. È molto più probabile che ti diano una possibilità se vieni da una buona scuola di recitazione. Ma non è tutto, sarete meglio preparati per entrare nel mondo della recitazione professionale e approfittare delle opportunità che vi si presenteranno. Qui sotto ci sono le sei cose più importanti da cercare quando si ricercano le scuole di recitazione, in modo da poter scegliere la migliore scuola di recitazione per te. Cerchi scuole di recitazione in Italia? Leggi questi corsi di recitazione in Italia e vedi se queste scuole di recitazione europee fanno per te.

scuola di teatro torino

Accademia dell’Arte

L’Accademia dell’Arte è un programma di Master di 2 anni in Teatro Fisico con sede ad Arezzo, Italia e accreditato attraverso la Mississippi University for Women. La nostra facoltà dedicata e gli artisti ospiti hanno creato un programma specializzato in Commedia dell’Arte, acrobatica, clownerie e altre tecniche teatrali alternative. Gli studenti vivono e lavorano ad Arezzo e studiano anche a Torino, Milano e Berlino.

L’Accademia dell’Arte offre anche programmi di bachelor di 14 settimane per il teatro, la danza e la musica.

Opportunità di spettacolo: vengono organizzate rappresentazioni teatrali studentesche ad Arezzo e nelle città toscane circostanti, e sostanziali rappresentazioni hanno luogo dopo moduli di studio presso la scuola di circo FLIC di Torino, la scuola di recitazione di Berlino e la scuola Paolo Grassi di Milano.

Grado di studio: MFA.

Tasse per il primo anno del programma MFA (moduli 1 – 3): EUR 16 500

  • Modulo 1 Arezzo: EUR 6 600
  • Modulo 2 Arezzo: EUR 6 600
  • Modulo 3 Torino: EUR 3 300

Costo stimato per il secondo e terzo anno (Moduli 4-7): EUR 20 900 (questo importo totale è soggetto a modifiche a discrezione dell’Accademia dell’Arte).

Costo stimato dell’intero programma MFA (Moduli 1-7): 37 400 EUR (questo importo è soggetto a modifiche a discrezione dell’Accademia dell’Arte).

Aiuto finanziario: Un numero limitato di assistentati e borse di studio sarà disponibile per gli studenti. Gli studenti sono invitati a delineare il loro piano finanziario stimato quando fanno domanda per una borsa di studio o un assistentato.

Cosa serve per candidarsi: Gli studenti interessati devono completare la domanda per il Master dell’Accademia dell’Arte e partecipare alle audizioni tenute in tutti gli Stati Uniti presso varie università partner.

Sito web: Accademia dell’Arte

ACCADEMIA A.B.I.T.

Una scuola di recitazione internazionale che insegna la recitazione internazionale attraverso il metodo di recitazione di Sergei Ostrenko.

Scuola di recitazione ItaliaFoto: Accademia ABIT

Questo programma di recitazione in Toscana offre 3 anni di formazione di alto livello da ottobre a maggio – 30 ore a settimana.

Le euristiche insegnate includono la tecnica di recitazione, la voce (tecnica Voicecraft EVT), il movimento, la regia, la storia del teatro e il diritto dello spettacolo.

Gli attori non italofoni frequentano i corsi di lingua italiana, mentre gli attori italiani studiano il discorso, la versificazione e le tecniche di lettura espressiva.

Opportunità di spettacolo: la scuola ha un piccolo teatro in casa e un accordo con la città per cui gli studenti possono esibirsi nel vecchio teatro italiano di Massa e Carrara.

Preparazione alla professione: workshop con maestri internazionali della linea diretta di Meyerhold, così come formazione per le audizioni.

Laurea.

Tassa di studio:

Per le lezioni, compreso l’italiano per gli stranieri:

    Primo anno da ottobre a maggio – 20 ore settimanali: 2.700 euro.

    Secondo anno da ottobre a maggio – 25 ore settimanali: 3000 euro.

    Terzo anno finale da ottobre a maggio – 30 ore settimanali: 3500 euro.

Aiuti finanziari.

Di cosa hai bisogno per candidarti: Modulo di domanda, CV e colloquio (se vivi a più di 300 km dalla scuola, puoi presentare un questionario e un test d’inglese invece di un colloquio). Questa è una delle scuole di recitazione in Italia che può fornire assistenza per i visti e l’alloggio degli studenti.

Tasso di accettazione.

Politica degli esami di ammissione: Gli studenti possono fare un’audizione professionale durante i loro studi sulla base del permesso della scuola.

Sito web. ACCADEMIA

Torna a trovarci man mano che la nostra lista di scuole di recitazione in Italia si espande, oppure iscriviti al nostro blog per ricevere aggiornamenti immediati sui corsi di recitazione in Italia e sulle scuole di recitazione europee.

Il più piccolo teatro del mondo

Quando viaggiamo, siamo sempre alla ricerca di quel posto speciale, unico, che è solo dove siamo noi. Un luogo o un’esperienza unica che non hai messo nella tua bucket list di viaggio, ma che ha finito per essere qualcosa (o una di esse) che non dimenticherai al tuo ritorno a casa. il teatro più piccolo d’italia è più o meno la stessa sensazione. 

L’Umbria nel suo complesso ha questa specialità; è una delle regioni meno visitate d’Italia, ma come abbiamo scritto qui su Itanari, è piena di gemme nascoste, e se decidi di visitarla ed esplorare la sua incredibile natura, l’affascinante storia e la vibrante cultura, non avrai più tempo. Uno dei teatri più piccoli del mondo (Teatro della Concordia) a Montecastello di Vibo.

La piccola città di Monta Castello di Vibo è uno dei tanti villaggi che rappresentano la Valle del Tevere nel sud della regione. La città ha un aspetto medievale, specialmente le case in pietra e le strade tipiche della zona umbra, ed è circondata da verdi colline basse e campi fertili. Il Teatro della Concordia è il monumento più importante della città, data la sua storia e la sua importanza per il comune.

Questo teatro fu costruito a spese di nove famiglie importanti della città (“la cortesia non si misura in volumi o metri…”, come si diceva all’epoca) e cominciò a funzionare nel 1808. Nel XIX secolo divenne il centro culturale della zona e fu decorato con affreschi del pittore Luigi Agretti. Il teatro ha tutte le caratteristiche di un classico teatro italiano: una pianta a campana (o “Goldoni”), palchi, affreschi sulle pareti del vestibolo e del foyer, camerini, scenografie, una sala conferenze, una scala, una hall e un botteghino: tutto in meno di centocinquanta metri quadrati per novantanove fortunati avventori. Il teatro è stato chiuso per un periodo nel XX secolo, ma ha riaperto nel 1993 dopo una ristrutturazione grazie all’aiuto di un’associazione culturale locale.

Oggi, il teatro più piccolo del mondo è aperto nei giorni feriali e nei fine settimana nei mesi estivi (luglio e agosto), mentre negli altri mesi è aperto solo nei fine settimana. Ogni mese ospita spettacoli e performance, così come matrimoni civili, conferenze, incontri e workshop nell’ambito di uno scambio internazionale. Fatti un favore, controllalo e aggiungilo alla tua lista di meraviglie nascoste che hai trovato durante il tuo viaggio.

Nel comune toscano di Vetriano di Pescaglia, in provincia di Lucca, si trova il teatro storico più piccolo del mondo. Il teatro è letteralmente schiacciato dalle case circostanti ed è elencato nel Guinness dei primati per i suoi soli 71 metri quadrati. La gente del posto lo chiama affettuosamente “Bonbonniere”. La base del teatro è a forma di trapezio e ha due file di balconi.

Il teatro fu costruito alla fine del XIX secolo e sul suo palcoscenico in miniatura vengono ancora rappresentati spettacoli e opere. Un altro micro-teatro in Italia si trova nel cuore della valle del Chianti – in un antico castello risalente al 11° secolo. Il teatro stesso fu costruito nel XVIII secolo per intrattenere i proprietari del castello, la famiglia Ricasoli, e i loro ospiti. È interessante notare che il teatro è ancora in funzione, anche se gli spettacoli sono molto rari. Tutte le decorazioni del teatro sono originali, risalenti al XVIII secolo e sono ancora utilizzate per tutte le rappresentazioni.    

Situato nella città di Vetriano (a circa mezz’ora di macchina dalle mura nord di Lucca), il Micoteatro merita una visita dopo aver visto tutte le principali attrazioni di Lucca e dintorni. Il teatro è stato costruito più di cento anni fa e recentemente è stato completamente rinnovato, oggi vi vengono rappresentati spettacoli e opere. Per un biglietto d’ingresso di 5 euro, si ottiene un meraviglioso tour di mezz’ora e un commento verbale sulla storia del teatro. Purtroppo la guida, Cristina, parla solo italiano. Tuttavia, lei ci mette il 110%. Ci sono circa 60 posti a sedere nel teatro perché ci sono 2 balconi. Tutti i posti sono stati donati – uno di loro è stato donato dal figlio di Robert Kennedy. Durante l’ultima ristrutturazione, è stato aggiunto un camerino sotto il teatro. Il locale è molto confortevole e in ottime condizioni e merita sicuramente una visita. Mostra quello che il FAI è riuscito a fare in Italia.

MUSICAL, TEATRO – Benvenuti Su Spazioartefollonica!

Dopo il diploma di Liceo Scientifico si trasferisce per cinque anni a Roma dove frequenta l’Accademia Teatrale di Roma Sofia Amendolea: qui si diploma prima nel biennio professionale i teatri reggio emilia musical di primo livello e poi nel biennio professionale avanzato. Nata a Livorno e cresciuta tra Livorno e Follonica, studia canto e pianoforte per diversi anni e si diploma in solfeggio cantato presso l’Istituto Musicale Pareggiato “Rinaldo Franci” di Siena. Agli inizi degli anni Novanta fonda la Compagnia “Artemisia Teater”, con cui tuttora realizza commedie esilaranti. Nello stesso anno la compagnia ha portato in tourneè nei maggiori teatri del Nord Italia (Torino, Milano, Reggio Emilia, ecc.) il musical “Oliver! La Fondazione i Teatri propone due alternative, tutte da ridere, per un 31 dicembre tra i velluti del teatro: al Teatro Municipale Valli (ore 20.30) “La Bibbia riveduta e scorretta”, un musical comico che riporta a Reggio Emilia gli Oblivion, in uno dei loro strampalati e visionari viaggi.

’affinamento di tecniche interpretative atte a ridurre la distanza che ingenuamente si pensa esista tra canto e recitazione, non considerandole quindi come compartimenti stagni, bensì come due diversi usi armoniosi e melodici dello stesso strumento: la voce. Da diversi anni conduce corsi di formazione teatrale per adulti, bambini e ragazzi. Le nostre collaborazioni vantano di sette anni con il Comune di Verona e “Estravagario Teatro” per la rassegna “Scuole a teatro”, le stagioni estive nei cartelloni di Peschiera Del Garda, Sirmione, Valeggio Sul Mincio, Corte Molon, Desenzano Del Garda, Lazise, Trento e Villa Venier di Sommacampagna, e nella rassegna veronese “Estate nei Cortili”. Tramite la gestione dei tre principali teatri cittadini (Municipale, Ariosto e Cavallerizza), la Fondazione I Teatri di Reggio Emilia allestisce i cartelloni di lirica, prosa, danza e musica della città. Per accogliere spettacoli di danza, prosa, concerti, opera, teatro ragazzi, musical e operetta, si avvale di un sistema teatrale unico in Italia: tre teatri – Teatro Municipale Valli, Teatro Ariosto, Teatro Cavallerizza – raccolti attorno ad una piazza nel cuore della città, ciascuno fortemente caratterizzato sia architettonicamente sia per il tipo di programmazione.

Fulcro della attività è la splendida sede del Teatro Romolo Valli che, tra prosa, concerti, musical e operette, supera il numero delle 100 rappresentazioni all’anno. La Fondazione I Teatri di Reggio Emilia è nata nel 2002. La sua attività coinvolge tutti i settori dello spettacolo dal vivo, con sei stagioni – Opera, Concerti, Danza, Prosa, Musical-operetta e Teatro ragazzi – e due festival: il Festival Aperto, che si occupa di musica e danza contemporanee nei loro intrecci con arte, letteratura e tecnologie, e La Casa del Quartetto, festival dedicato ai giovani quartetti d’archi. La sala spettacolo può accogliere fino a 450 spettatori su due gradinate mobili che possono offrire fino a 12 assetti differenti. L’attore e regista, infatti, è autore di oltre sessanta tra commedie, farse, atti unici e spettacoli di cabaret e due figli. Oggi è il secondo teatro cittadino, ospita principalmente spettacoli di prosa.

1852 e il 1857, secondo il progetto dell’architetto modenese Cesare Costa ed appare oggi praticamente invariato rispetto al momento inaugurale. Per avere un’effettiva prova e conferma delle competenze acquisite nei mesi di studio, alla fine del percorso le forze confluiranno in uno spettacolo di chiusura che potrà essere strutturato in vari modi, anche in base alle particolarità individuali e agli obiettivi raggiunti. Il teatro Ariosto, in origine era definito “Teatro di Cittadella” poiché sorgeva presso l’antico baluardo difensivo voluto dai Gonzaga (alla fine del 1339) durante il loro dominio a Reggio Emilia. Gli abbonamenti per tutte le stagioni de I Teatri di Reggio Emilia (Prosa, Danza, Opera, Concerti e Musical) sono in vendita da domani nelle casse del teatro Valli. ”, prodotto in collaborazione con Massimo Romeo Piparo e la Planet Musical.

Protagonista indiscussa dell’energia che sta alla base di questo intreccio è indissolubilmente la musica: attraverso il dialogo con essa, considerata una vera e propria “attrice” sulla scena, il performer di musical deve essere capace di trovare la propria energia, unica e distinta dalle altre, e su di essa fondare la sua interpretazione, sia questa esplicitata per mezzo del corpo, del canto o del linguaggio in prosa. Ogni forma di linguaggio è un sistema di simboli che combinandosi creano un codice di comunicazione. Fulcro di tali tecniche e principale esercizio sarà il rapido passaggio dalla canzone alla prosa e dalla prosa alla canzone, con e senza l’ausilio della musica, così da conferire agli aspiranti performers la sicurezza e la coscienza della propria incisività sulla scena, nonché della propria padronanza di più forme di linguaggio teatrale. Ha finalità di promozione, produzione e diffusione della cultura, dell’arte, dello spettacolo, di tutte le espressioni teatrali (di parola, di musica, di danza, ecc.), di conservazione e valorizzazione dei beni culturali di cui dispone, di sviluppo della domanda culturale e della coesione sociale, di agevolazione della produzione culturale innovativa, di diffusione della cultura della sostenibilità ambientale, di incremento del turismo culturale.



florida web design

I migliori teatri d’Italia

“Lirico, moderno, storico e altro ancora. Sono i teatri italiani, autentici tesori dove si è fatta la storia dello spettacolo e della recitazione. “

L’Italia è sempre stato un paese con una grande tradizione teatrale, a partire dal teatro greco, fino a quello contemporaneo e moderno. Teatri più grandi d’italia Costruiti con diverse forme architettoniche, con molti materiali e stili diversi, i teatri sono sempre riusciti ad affascinare il pubblico.

Abbiamo selezionato alcuni dei teatri più belli d’Italia, dai più antichi ai più moderni.

Teatro greco di Siracusa
Costruito nel V sec. a.C. dall’architetto Damocopos, si trova all’interno del Parco Archeologico della Neapolis (dal greco “città nuova”) a pochi chilometri da Siracusa, una delle più belle città della Sicilia. Fu ricostruito nel III secolo a.C. e poi nuovamente trasformato in epoca romana. All’inizio il teatro non aveva una forma semicircolare, ma era composto da tre ordini disposti a forma di trapezio. Dopo la ricostruzione, il teatro prese la sua forma attuale per migliorare l’acustica. Successivamente, in epoca romana, furono apportate altre modifiche che permisero al teatro di ospitare i combattimenti tra gladiatori. Sicuramente uno dei teatri più popolari d’Italia, che pur mostrando i segni del tempo e delle diverse dominazioni che si sono alternate, ha fatto conoscere a tutti i diversi modi di vivere e interpretare gli spazi. Ancora oggi, in primavera ed estate, si tiene un ciclo di rappresentazioni di teatro classico a cura dell’Istituto Nazionale del Dramma Antico, che richiama sempre molti spettatori interessati.

Teatro Olimpico di Vicenza
È il primo e più antico teatro coperto dell’era moderna, progettato nel 1580 dall’architetto rinascimentale Andrea Palladio e, dopo la sua morte, dal figlio Silla. Grazie agli appunti del padre, infatti, anche il figlio minore di Palladio costruì una parte del teatro. In seguito i lavori furono proseguiti e completati da Vincenzo Scamozzi, importante architetto vicentino, che ne rese possibile l’inaugurazione nel 1585 con la rappresentazione di Edipo Re e Sofocle. La struttura, realizzata in legno e stucco, non fu mai rimossa nonostante il pericolo di incendi e bombardamenti. Tra i più bei teatri italiani, è ancora oggi utilizzato per rappresentazioni classiche e concerti, sia in primavera che in autunno. Per motivi di conservazione non è dotato di sistemi di riscaldamento e ha una capacità limitata a 470 posti.

Teatro della Pergola a Firenze
È il teatro storico di Firenze, nonché uno dei teatri più antichi d’Italia. Fu costruito nel 1656 dall’architetto Ferdinando Tacca, e si trova in via della Pergola, da cui prende il nome. Nel 1943 il teatro fu sottoposto a vincoli architettonici, essendo considerato il primo esempio di teatro all’italiana. Inizialmente la sua struttura era tradizionale, con gradinate semicircolari, mentre negli anni successivi subì numerose trasformazioni, tra cui quella del 1753 ad opera di Giulio Mannaioni, che sostituì le strutture in legno con quelle in muratura, rendendo il teatro più sicuro che mai. frequente uso di candele. Ad oggi il teatro è di proprietà del comune di Firenze e ogni anno ospita sia rappresentazioni liriche che spettacoli teatrali.

Teatro San Carlo di Napoli
È il teatro d’opera di Napoli e uno dei teatri più famosi e prestigiosi del mondo. Fu costruito per volontà di Carlo di Borbone, da cui prese il nome, da Giovanni Antonio Medrano e Angelo Carasale nel 1737. Inizialmente si rappresentava solo l’opera seria, mentre l’opera comica era destinata ad altri teatri. Per molti anni il teatro fu sotto la preziosa guida prima di Gioacchino Rossini e poi di Gaetano Donizetti, che gli diede grande prestigio con la rappresentazione di molte opere prestigiose. In seguito ospitò anche le opere di Giuseppe Verdi, tra cui Il Nabucco. Dopo la seconda guerra mondiale fu il primo teatro italiano a riaprire. Molti furono i lavori di restauro e ammodernamento delle strutture che portarono ad una riduzione dei posti a sedere per il rispetto delle norme di sicurezza e per migliorare la visuale e l’acustica per lo spettatore. Ad oggi, oltre a rappresentare molti balletti e opere teatrali, ospita anche numerosi artisti internazionali, tra cui tenori, direttori d’orchestra e musicisti.

Teatro La Scala di Milano
È uno dei teatri più famosi del mondo, prende il nome dalla chiesa di Santa Maria alla Scala. Fu costruito nel 1776 dall’architetto Giuseppe Piermarini per volere dell’imperat

Scroll to top