L’antico Amore per il Teatro. Atene

Nei tempi antichi, l’Acropoli era giustamente considerata il cuore della spiritualità di Atene. Qui, nel IV secolo a.C., si svolgevano vari spettacoli di sacrifici gloriosi, gare sportive (che erano obbligatorie a quel tempo) così come piccole scene della vita degli dei.

L’allora regnante Pisistrato era un grande ammiratore del dio Dioniso – il santo del divertimento, della vinificazione, dell’estasi religiosa e delle orge. Grazie agli sforzi del sovrano di Atene, sul lato meridionale dell’Acropoli, fu dapprima costruito il Santuario di Dioniso Eleuterio, dove si trovava l’antica statua del dio, e dopo un po’ fu deciso di sostituire il vecchio tempio con uno nuovo.

teatro san rocco seregno

Ora nel centro del nuovo santuario fatto di avorio e ornato d’oro, si trova una nuova statua del dio Dioniso. Non lontano dal tempio, per ordine di Peisistrato, fu costruita una pista da ballo, che divenne il primo “mattone” grazie al quale il Teatro di Dioniso Atene è “nato”.

Inizialmente, il Teatro di Dioniso Atenes era costruito in legno e deliziava il pubblico con spettacoli basati sulle tragedie di Eschilo, Aristofane, Sofocle ed Euripide. Tuttavia, ben presto i sedili di legno, su cui si trovava il pubblico, furono ricostruiti e resi più affidabili e durevoli con la pietra. Poiché i greci erano così affezionati alle rappresentazioni teatrali, con il tempo queste divennero non solo una parte delle cerimonie religiose e delle feste pubbliche, ma un atto completamente separato, con le proprie regole e tradizioni.

Il Teatro diioniso (o Teatro Dioniso) è un antico teatro greco di Atene. È costruito sulla collina meridionale dell’Acropoli, precedentemente parte del santuario di Dioniso Eleuterio (Dioniso il Liberatore). La prima terrazza per l’orchestra fu costruita sul sito a metà del VI secolo a.C., quando Dionysia era l’ospite. Nel IV secolo a.C., il teatro raggiunse le sue maggiori dimensioni sotto l’epistola di Licurgo, quando potrebbe aver ospitato fino a 17 000 persone e fu usato continuamente fino all’epoca romana. Poi nel periodo bizantino il teatro crollò e non fu identificato, scavato e ricostruito fino al XIX secolo.

Molti documenti storici contengono interessanti descrizioni di questa sorprendente architettura romana, uno dei più antichi teatri del nostro pianeta. Secondo loro, la prima fila del Teatro di Dioniso Atene consisteva di 67 poltrone fatte di marmo costoso e raro e destinate solo alla nobiltà onorevole. È interessante sapere che alcune di esse avevano anche i nomi delle persone che governavano la più antica città greca. A proposito, ancora oggi si possono vedere queste sedie con i nomi incisi sopra, anche se non tutte sono sopravvissute fino ad oggi.

Nella seconda fila, si poteva trovare la poltrona del famoso imperatore romano Adriano, che era conosciuto come un grande amante della poesia, della filosofia e dell’arte teatrale. Inoltre, qui, ma un po’ più tardi, amava parlare un altro imperatore romano, Nerone, “famoso” in tutto il mondo per il suo cattivo gusto e per aver bruciato la capitale del più grande impero romano.

Il Teatro di Dioniso Atenes, secondo le ipotesi di quasi tutti gli archeologi che hanno partecipato ai suoi scavi, poteva ospitare quasi 17 mila persone. Questa cifra, per gli standard moderni, è abbastanza insignificante, ma per quel tempo era abbastanza impressionante, e ammontava a quasi la metà dell’intera popolazione di Atene. A causa delle sue grandi dimensioni, il Teatro di Dioniso Atenes non aveva sovrapposizioni del tetto, quindi tutti – sia i partecipanti che il pubblico – erano all’aria aperta, e ciò che accadeva sul palco era illuminato dalla luce naturale.

L’antico Amore per il Teatro. Atene

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll to top